Bollettino neve Italia: ultimi aggiornamenti



Nonostante l’Italia sia invasa da un bel tempo in generale, le previsioni per la prossima settimana non promettono nulla di buono. Un’aria molto fredda arriverà dai Balcani fino alla nostra Penisola.

Anche se i primi assaggi li sentiremo durante il week end, quando un grande blocco di aria gelida si staccherà dall’artico per colpire il cuore dell’Europa, solo dopo martedì potrebbero esserci rovesci nevosi che invaderanno quote collinari ma a tratti anche sul piano come Marche, Abruzzo, Molise e Puglia.

Non si esclude un’imbiancata anche sulle coste accompagnata da temporali e grandine oltre che un vento gelido di grecale. Molti rovesci, punteranno in seguito la zona della Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia, con neve in calo fino verso i 500-700m ma localmente più in basso tra Sila, Pollino e dorsale campano-lucana.

Anche le centrali tirreniche potrebbero essere coinvolte ma con conseguente miglioramento. Per quanto riguarda il nord, invece, sarà più riparato e l’aria fredda, arrivata da Est, potrebbe creare addensamenti sparsi ma fenomeni rilevanti. Probabilmente verso la terza decade di gennaio potrebbe esserci un ritiro dell’alta pressione verso ovest consentendo la discesa di vortici freddi sull’Europa centrale, con risvolti freddi e nevosi anche per il nord Italia.

In ogni caso pare che il primo obiettivo del gelo balcanico sarà la parte Adriatica. Questo grande freddo sta interessando, per la maggior parte, la zona dell’Europa centro-orientale e gli esperti dichiarano che bisogna capire in che modo l’Italia verrà coinvolta. Affermano comunque che la situazione a livello climatico non è delle migliore e per questo sono necessarie molte altre valutazioni.