Rimedi anti-zanzare per l’estate



L’arrivo dell’estate ha anche qualche lato negativo, infatti la stagione calda porta con se anche le zanzare che oltre ad essere fastidiose in alcuni casi sono anche molto pericolose, visto che la predisposizione di alcuni soggetti alle punture fa si che le zanzare siano un vero è proprio incubo.

Fortunatamente esistono alcuni rimedi che permettono di ovviare o comunque di alleviare questa spiacevole situazione, alcuni naturali come ad esempio: aceto o limone messi in un recipiente a fondo piatto, gerani odorosi e piante di citronella e di lavanda, olio di neem o di citronella su candele o piattini dalla base larga, oppure zampironi e incensi a base di neem (pianta insetticida indiana), mangiare aglio, peperoncino, lievito di birra, o cibi ricchi di vitamina C che danno al sudore un odore sgradito agli insetti, zanzare comprese, olio di andiroba, estratto dai semi del frutto della carapa guaianensis, mezza cipolla su un piatto con il centro rivolto verso l’alto e la superficie cosparsa di chiodi di garofano, decotto di menta e basilico, filtrato e spruzzato sul corpo.

A questi rimedi si aggiungono le classiche barriere meccaniche costituire dalle zanzariere da applicare alle finestre e dalle tende anti zanzara per i letti.

Esistono anche svariati “rimedi non naturali” contro le zanzare, infatti possiamo trovare repellenti di ogni genere spray, candele, lozioni, creme, candele, piastrine e chi più ne ha più ne metta. Tuttavia, l’unica cosa che accomuna tutti i tipi di repellente è il fatto che sprigionano nell’ ambiente sostanza nocive per l’ambiante ma soprattutto per noi stessi. I repellenti, pieni di sostanza chimiche che possono provocare gravi danni al nostro organismo, sembrano essere diventati inefficaci dato che le zanzare hanno sviluppato una resistenza a gran parte di queste sostanze. Anche i pesticidi sono un valido aiuto contro le zanzare ma sono anch’essi dannosi oltre che per noi anche per l’ambiente, infatti sfavorisce l’arrivo dei predatori delle zanzare come ad esempio le libellule.
CDC-Gathany-Aedes-albopictus-2